Rivitalizzazione della Piramide di Tirana

“La Piramide… C’era una volta nel futuro!” è il nuovo slogan, il che significa che ora è il momento di far rivivere l’edificio come un grande centro culturale”, ha affermato Erion Veliaj, sindaco di Tirana, durante la cerimonia di riapertura della Piramide. Chi vive a Tirana sa che la nostra città non dorme mai.

Puoi trovare tutti i tipi di bar, pub, discoteche, karaoke e musica dal vivo per i giovani e la Piramide ora fungerà da centro culturale che terrà occupata la città durante la notte. Il nuovo design della Piramide ha mantenuto il nome e la struttura. Tuttavia, è stato trasformato in un enorme parco con un gruppo di scatole colorate sparse dentro e intorno all’edificio originale che ora ospita sale per festival ed eventi, studi, uffici di startup, incubatori, bar e ristoranti. Alcuni cubi fungeranno da punti di incontro e da aule dove i giovani albanesi impareranno gratuitamente diverse materie tecnologiche. Sono state aggiunte delle scale alle ripide facciate dell’edificio, consentendo ai turisti e ai cittadini locali di passeggiare attraverso la mostra dell’ex dittatore, vedere la vista dall’alto e scattare foto e video. Con un vertice dell’UE e l’inaugurazione ufficiale dell’edificio come facoltà educativa accessibile per gli adolescenti albanesi da parte di TUMO il 16 ottobre, Piramida sta ufficialmente restituendo qualcosa alla gente. Gli architetti MVRDV hanno progettato la nuova struttura, mentre AADF e il Comune di Tirana l’hanno finanziata.

La storia della piramide

La piramide ha avuto una storia controversa da quando è stata costruita. È stato inaugurato il 14 ottobre 1988 come mausoleo del dittatore Enver Hoxha. La forma della piramide fu progettata da un gruppo di architetti guidati dalla figlia e dal genero del dittatore. La costruzione iniziò nel 1986 e fu completata nel 1988. In realtà servì come mausoleo per Hoxha fino al 1991, dopodiché divenne un centro per conferenze e fiere. Come simbolo del famigerato comunismo, resistette a diversi tentativi di distruzione da parte dei governi precedenti. È stato utilizzato anche come base NATO durante la guerra del Kosovo del 1999. Per molti anni è stato conosciuto come Centro Culturale Internazionale Pjetër Arbnori, utilizzato come luogo per conferenze e fiere, centro di trasmissione, ecc. Nonostante gli sforzi per distruggere questo edificio, la maggior parte degli albanesi era contraria alla demolizione. Si è distinto come un eccezionale pezzo di architettura e un’eredità del comunismo. L’edificio ha sempre attirato turisti da tutto il mondo, anche se questi si sono limitati a fotografare l’esterno dell’edificio senza poter entrare all’interno. I bambini lo usavano per arrampicarsi sopra.

Il nuovo progetto ha mantenuto quella parte come luogo di arrampicata per mostrare in qualche modo il trionfo delle nuove generazioni contro le dittature. Gli albanesi possono restituire oggetti della storia oscura in uso. Per noi è facile perdonare perché siamo più concentrati a lasciare “l’oggi” e guardare al futuro. Siamo persone ottimiste.

Share this article

Other News to Read

Cosa fare ad aprile 2024 a Tirana

Tirana is already full of tourists, and the spring season is the best time to visit the city.…

Dieci cose migliori da fare a Tirana

Tirana è una città che cambia ogni giorno. È una città moderna e dinamica dove vivono più di…

Subscribe to our Newsletter!