Il Museo Nazionale delle Scienze di Tirana

Uno dei musei più eccezionali che dovresti visitare in Albania è il Museo di Scienze Naturali a Tirana. Questo museo possiede una straordinaria collezione della ricca biodiversità del nostro Paese, dove sono esposti circa 3000 esemplari, cioè specie uniche, e un fondo di ricerca scientifica di 100.000 specie di fauna albanese.

Il Museo di Scienze Naturali “Sabiha Kasimati” (MSHN) è stato fondato nel 1948 come parte dell’ex Istituto delle Scienze. Con la creazione dell’Università di Tirana nel 1957, questo museo passò sotto la giurisdizione della Facoltà di Scienze Naturali come parte del Dipartimento di Zoologia. Dal 2010, insieme all’Erbario Nazionale e all’Orto Botanico, è entrato a far parte del Centro Ricerche Flora e Fauna della Facoltà di Scienze Naturali.

Perché è importante?

Il Mediterraneo è una delle aree faunistiche più ricche del mondo e l’Albania è stata un’oasi di specie rare raccolte con cura dai ricercatori albanesi, soprattutto durante il periodo comunista. Attualmente, l’Albania possiede il 30% della fauna di tutta Europa, ma l’Albania ha perso più fauna di qualsiasi altro paese europeo a causa dei cambiamenti demografici, dell’erosione, della deforestazione, dell’uso incontrollato del territorio, della pesca, della caccia illegale, ecc. Ma in questo museo troverete una straordinaria ricchezza di specie che vivono sulla nostra terra o nelle nostre acque.

I tipi

Inventario della fauna presente nel Museo: Entomofauna (Insetti), Erpetofauna (Anfibi e Rettili), Ornitofauna (Uccelli), Mammalofauna (Mammiferi), Macrobentofauna (Molluschi, Crostacei)

Gli insetti rappresentano la parte più significativa della fauna esposta nei locali del Museo, con 217 specie.

Nel museo troverete esposti i rappresentanti di tutti i gruppi di rettili. Durante la vostra visita al padiglione degli anfibi e dei rettili, ciò che attirerà immediatamente la vostra attenzione è la tartaruga marina liuto (Dermochelis coriacea), considerata la tartaruga più gigante del mondo (con una lunghezza fino a 1,8 m e un peso di circa 700 chilogrammi). Questa tartaruga è molto rara per le nostre acque perché è di tipo oceanico, e fino ad oggi nel nostro paese sono stati catturati solo tre individui (uno nel 1963 a Shengjin, esposto nel nostro museo, e altri due nella baia di Drin catturati rispettivamente uno nell’agosto 2016 e l’altra dopo un anno nell’agosto 2017). In esposizione troverete anche le due diverse tipologie di tartarughe marine presenti nelle nostre acque: la tartaruga caretta (Caretta caretta), considerata la specie più comune nelle nostre acque, e la tartaruga verde (Chelonia mydas), molto più più raro del primo. Tutte le specie di tartarughe marine rivestono un particolare interesse conservazionistico poiché sono considerate a rischio di estinzione a livello globale.

Gli uccelli hanno esposto esemplari di 201 specie (il 57% dell’elenco completo degli uccelli dell’Albania). Sono esposte diverse 25 specie di rapaci, di cui 18 specie sono predatori diurni e sette sono predatori notturni. Nel settore dei rapaci sono presenti esemplari di sciacalli, aquile, avvoltoi, falchi, gheppi, falchi, civette e civette. Tra queste specie c’è il cavallo del cuculo, una specie rara a livello mondiale che nidifica ancora nel nostro Paese, anche se la popolazione di questa specie ha subito un drammatico calo negli ultimi 25 anni, riducendosi a sole dieci coppie.

L’avvoltoio, un tempo specie nidificante comune nel Paese, è oggi scomparso come specie nidificante e nel nostro Paese è molto raro trovarne solo un esemplare randagio. L’aquila montana o aquila bandiera, specie per la quale i dati degli ultimi anni mostrano che la popolazione ha subito uno straordinario calo.

Delle 25 specie, 23 fanno parte della lista rossa della fauna dell’Albania e sono rigorosamente protette dalla legge. Uccelli acquatici: in questo museo è esposta una grande varietà di specie (84 specie) di uccelli acquatici. Nel settore degli uccelli acquatici sono presenti esemplari di: pellicani, cormorani, cigni, cicogne, aironi, oche, anatre, sterne, gabbiani, rondini, sterne e numerose specie di sterne. Tra queste tipologie, hai la possibilità di vedere:

Il pellicano riccio, l’uccello più grande dell’Albania, con un’apertura alare che arriva fino a 320 cm. In Albania nidifica solo nel Parco Nazionale Divjakë-Karavasta, in una colonia di 50 coppie. La popolazione di questo tipo nel nostro Paese è in grave pericolo, mentre a livello globale è prossima alla minaccia.

I mammiferi sono rappresentati nel nostro Museo da 44 specie e 52 individui, di cui tre appartengono all’ordine dei Cetacei (Mammiferi Acquatici): 1. Capodoglio (Physeter macrocephalus); 2. Delfino tursiope comune (Delphinus delphis); 3. La foca mediterranea (Monachus monachus), considerata una specie in pericolo critico (CR) secondo la IUCN.

Capodoglio – la particolarità del Museo

Durante la vostra visita al padiglione dei mammiferi del museo, ciò che attirerà sicuramente la vostra attenzione è lo scheletro della balena o capodoglio (Physeter macrocephalus), esposto all’ingresso del museo, lungo 8 m. Secondo i dati in nostro possesso, il capodoglio fu catturato nel 1958 sulla costa di Durazzo insieme ad altri 7 individui, dove si pensa siano rimasti intrappolati nelle secche. Si pensava che fosse una famiglia di 8 membri, che veniva inseguita da una preda o da una barca da pesca e poi li conduceva nelle acque poco profonde dell’Adriatico, da dove non potevano ritornare nelle acque oceaniche profonde. Un’altra ragione che si pensa è che le balene potrebbero aver confuso la strada seguendo la direzione delle correnti e essere state introdotte accidentalmente dall’Atlantico attraverso lo Stretto di Gibilterra nel Mar Mediterraneo e poi nell’Adriatico.

Share this article

Other News to Read

Cosa fare ad aprile 2024 a Tirana

Tirana is already full of tourists, and the spring season is the best time to visit the city.…

Dieci cose migliori da fare a Tirana

Tirana è una città che cambia ogni giorno. È una città moderna e dinamica dove vivono più di…

Subscribe to our Newsletter!