Il Turismo a Tirana sotto il regime comunista

Chi è curioso del turismo durante il regime comunista in Albania?

Anche se l’Albania  era un paese isolato dal resto d’Europa, non era detto che non si visitava dai turisti stranieri. La maggior parte dei visitatori provenivano  da altri paesi comunisti, con il quale l'Albania aveva buone relazioni economiche e commerciali.

I turisti che visitavano il nostro Paese si consideravano fortunati, perché era quasi impossibile da vedere e testimoniare come si viveva durante il regime  dittatoriale. L'Albania per quasi 50 anni  era un paese  chiuso al mondo come l'oggi stesso la Corea del Nord, o Cuba due decadi fa. Non tutti avevano l’occasione  per visitare questi paesi.

Tourism in Tirana under communist regime

Alcune immagini rare  che presentano il turismo a Tirana, negli anni '50 sono stati pubblicati in una televisione albanese locale SCAN TV.  Si tratta di un documentario prodotto nel 1963 dal Kinostudio, la Cinecittà albanese ,  che è ora trasformato a colori in un laboratorio  filmico in Ungheria.

Il video mostra che nonostante il  numero basso dei turisti, il settore turistico era ben organizzato. I turisti erano dotati di un autobus ed accompagnati dalle guide turistiche ben istruiti su cosa dire o non dire ad un visitatore straniero. Le guide sapevano diverse lingue straniere come l’inglese, francese, russo etc.

Appena arrivati in Albania, i visitatori si avertivano di rispettare alcune regole del Paese. Tutti i dispositivi come la fotocamera, o la radio dovevano essere dichiarati nelle dogane del porto di Durazzo o dell’aeroporto. Inoltre, i turisti erano  consigliati come vestirsi e di non andare con le gonne corte esagerate o costumi da bagno, perché era proibito.

Vedendo  questo video, il comportamento dei turisti è molto attento nelle strade. I loro vestiti sono semplici e  l'unico accessorio è il cappello o una piccola borsa. L'unico fatto che dimostra di essere un  turista è la telecamera o la macchina fotografica  che tengono in mano scattando delle foto ovunque e sorridere.

Tourism in Tirana under communist regime

Il video mostra anche come loro sono stati accolti all'Hotel Dajti sul boulevard "Martiri della Nazione". Il ristorante, il servizio al tavolo, la  frutta e gli alimenti di quel tempo, sono anche parte del documentario. L'Hotel Dajti  è stato l'albergo più moderno nei Balcani e uno dei simboli del turismo dell'Albania, e probabilmente il più sorvegliato.

Sembra un vecchio film, ma molti albanesi che hanno vissuto in quel tempo sono ancora vivi e hanno le loro storie da raccontare con i turisti. Alcuni  di loro lavoravano all’Hotel Dajti, che ai tempi del regime comunista era destinato a ospitare i pochi stranieri autorizzati a entrare nel paese.

Pero un fatto non cambia mai: il caloroso benvenuto e l’ospitalità albanese. Noi trattiamo un visitatore straniero come un ospite e non come un turista.

Daytrips in Tirana

Cave of Pellumbas tour in Tirana
Communist Architecture tour in Tirana
Old Villas tour in Tirana
Tirana - Dajti Mountain Cable Car
Editor's choice

gif_img

Dajti ekspres

Theranda Hotel

Tropikal Resort